I Greci di Calabria

postato in: I NOSTRI PROGETTI | 0

Il progetto ha previsto azioni di valorizzazione della Minoranza Storico-Linguistica Grecanica mediante una rassegna promozionale svolta a Roma nel novembre del 2013, incentrata sulla cultura e sull’enogastronomia dell’Aspromonte Greco. Oltre allo svolgimento di master class di prodotti tipici e biologici dell’Area Grecanica, sono stati organizzati sia incontri culturali sulla presenza greca in Calabria sia la presentazione della guida “L’Altro Viaggio. Itinerari nella Calabria Greca”.
Il testo traccia un itinerario alla scoperta della grecità calabrese preservatasi nella provincia di Reggio Calabria, attraverso un viaggio che si snoda tra la minoranza storico-linguistica dei Greci di Calabria dell’Aspromonte meridionale e gli edifici di culto greco ortodossi risorti, negli ultimi anni, nei luoghi in cui da secoli la tradizione popolare venera le reliquie dei propri santi italo greci.
I percorsi tracciati uniscono quindi le ultime comunità grecaniche con i centri di spiritualità bizantina sparsi in questo lembo di terra proteso tra lo Jonio e il Tirreno. L’intento del progetto promosso dall’Assessorato alle Minoranze Linguistiche della Provincia di Reggio Calabria è quello restituire i quadri generali della grecità calabrese, le cui testimonianze non sono confinate solo nei musei, tra le vestigia delle polis magno greche o tra i ruderi dei monasteri “basiliani” ma si traducono in simboli, gesti, suoni, ritmi, sapori e pratiche devozionali saldamente connesse al mondo agricolo.
Il testo promosso dal progetto “I Greci di Calabria” è stato realizzato dalla Cooperativa Satyroi per indagare la cultura greco-calabra attraverso i passaggi epocali di una storia millenaria che emerge solo qualora si penetri l’Aspromonte Meridionale, venendo a contatto diretto con i luoghi, i monumenti, i fedeli, i contadini e i sapori intensi. Uno spunto di riflessione per decodificare codici d’appartenenza, simboli e memorie mettendo in evidenza le eccellenze agroalimentari di una terra in cui ancora è possibile percepire le più interessanti testimonianze greche d’Italia.